top of page

Alla scoperta di Europeana Migration!


Nordic Museum Foundation, Sweden - Public Domain.


Anche i migranti interagiscono con il patrimonio culturale, anche le popolazioni migranti hanno un insieme di elementi culturali di riferimento con cui trasmettono la loro esistenza. Ogni comunità europea ha qualche esperienza di migrazione, passivamente o attivamente, quindi raccontare la storia della migrazione significa parlare anche della storia dell'Europa. Riconoscendo l'importanza di ciò, la piattaforma Europeana ha deciso di dedicare una delle sue collezioni di dati e opere per celebrare il contributo che le persone che migrano danno alla cultura europea.


Europeana è una piattaforma digitale, finanziata dall'Unione Europea, il cui obiettivo è la digitalizzazione del patrimonio culturale europeo. Il sistema è supportato principalmente dai cosiddetti Aggregatori, che raccolgono gruppi di elementi e si occupano del loro recupero e dell'aggiunta di metadati legati all'elemento caricato. Le collezioni sono dati raggruppati sotto un tema e servono a facilitare il recupero di questi elementi, che altrimenti appaiono sparsi perché provenienti da fonti diverse.

L'idea di creare una collezione dedicata alla migrazione è partita nel 2018: durante l'anno europeo della cultura, Europeana ha deciso di contribuire mettendo in discussione la nozione stessa di migrante, così legata nel discorso politico al concetto di crisi. Adrian Murphy ha spiegato che volevano "mostrare un lato positivo della migrazione - che non è semplicemente una parte della cultura europea ma che l'ha arricchita. La migrazione ci ha fatto e continua a farci diventare quello che siamo". Per la collezione sul sito, le prove documentarie e la cultura materiale sono state cercate in un periodo di tempo di diversi secoli: un'attenzione speciale è stata data a vedere l'influenza dei flussi migratori sull'arte e la scienza. Insieme a gallerie, musei, biblioteche e archivi, sono state organizzate 18 giornate in 12 paesi diversi per arricchire la collezione. I partecipanti, riuniti da più di 40 partner, hanno raccontato più di 600 storie, con circa 1000 oggetti digitalizzati.


Una delle complicazioni sorte nella fase di selezione è stata capire cosa fosse effettivamente legato alla migrazione: alcune opere, come le fotografie di persone che viaggiano su aerei o navi, potrebbero sembrare inerenti. Ma dal punto di vista dei metadati, l'elemento può essere descritto in molti altri modi. Allo stesso modo, ci sono artisti che, costretti a migrare, hanno cambiato il loro modo di intendere l'arte. In questi casi, Europeana ha deciso di non includere questi elementi nella collezione, ma di dare loro spazio in altri spazi più dedicati al digital storytelling. Un esempio è la mostra online People on the Move, una vera e propria storia animata dalle immagini, dalle fotografie e dai dipinti presenti su Europeana che hanno sviluppato in qualche modo il tema della migrazione.


Adrian Murphy ha dichiarato che "tutte queste attività si sono combinate per mostrare che l'Europa che abitiamo oggi è il risultato di un flusso di persone e idee e che la migrazione è intessuta e arricchisce la nostra vita quotidiana in molti modi". Per l'intero progetto, Europeana ha lavorato con molte organizzazioni in tutta Europa: dalle biblioteche nazionali ai musei locali e molte altre organizzazioni del patrimonio culturale. Questo tipo di collaborazioni sono il cuore del sogno di Europeana: l'idea di un patrimonio paneuropeo, condiviso da tante entità lontane e vicine allo stesso tempo, è la forza trainante di questo progetto di digitalizzazione. Ecco perché il progetto non si è fermato: dall'evento iniziale in 12 paesi diversi, incontri simili si sono tenuti in Irlanda, Belgio, Croazia e Regno Unito. Europeana intende continuare a raccontare queste storie, convinta che le storie di migrazione in Europa siano l'identità stessa dell'Europa.



Naviga attraverso Europeana Migration!


This article has been written by Marco Fiore - Michael Culture Association

bottom of page